La società del benessere comune: incontro online a Casalgrande il 15 febbraio

0
104

di Redazione, #Casalgrande

Lunedì 15 febbraio alle ore 21.00, riprendono gli incontri culturali online’ dedicati all’economia circolare e solidale, alla finanza etica, ma non solo, in streaming live.

Protagonista del primo incontro sarà Francesco Gesualdi, uno dei maggiori teorici del consumo critico e dell’economia solidale in Italia, fondatore del Centro Nuovo Modello di Sviluppo di Vecchiano e autore di numerosi saggi, oltre che attivista dei diritti umani, contro lo sfruttamento del lavoro minorile, il potere delle multinazionali, la crisi dell’occupazione, l’impoverimento a livello globale, il debito del Terzo Mondo, l’inquinamento e la distruzione dell’ecosistema. Gesualdi parlerà de: “La Società del BenEssere Comune. Rivoluzione personale e cambiamento sociale per vivere molto meglio senza consumare sempre di più”, passi concreti che ognuno di noi può compiere per vivere molto meglio senza consumare sempre di più, creando le basi per una vera e propria rivoluzione personale e un grande cambiamento sociale.

Allievo di Don Milani a Barbiana, Franceso Gesualdi, partecipa alla stesura di “Lettera a una professoressa”. Nel 1968 frequenta il corso annuale per quadri sindacali della CISL, che gli offre una formazione in campo economico. Dal 1971 al 1974 insegna alla Scuola di Servizio Sociale a Calenzano (FI). Poi è in Bangladesh per un servizio di volontariato di due anni.Nel 1983 si trasferisce a Vecchiano (PI) per vivere un’esperienza semi-comunitaria con altre famiglie, decise a dare solidarietà concreta a situazioni di difficoltà. All’interno di questa iniziativa fonda il Centro Nuovo Modello di Sviluppo per affrontare, da un punto di vista politico, i temi dell’insostenibilità ambientale, della povertà, della fame, del disagio nel Nord come nel Sud del mondo.

Lungo questo percorso matura la proposta del consumo critico, di nuovi stili di vita, di nuovi assetti sociali ed economici capaci di coniugare sobrietà con piena occupazione e diritti fondamentali per tutti e si occupa della ricerca di altri modelli economici d’ispirazione ecologica e sociale. Promuove l’uso di strumenti come il consumo critico, la “non collaborazione”, il boicottaggio, il commercio alternativo, l’obiezione fiscale, la finanza sostenibile, le reti locali, la banca del tempo, lo sviluppo sostenibile, cercando in questo modo di favorire una rivoluzione degli stili di vita, della produzione e dell’economia.

 

(15 febbraio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 




LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui