Castellarano, presi due uomini con il kit del perfetto ladro, ma non ancora accusati dai Carabinieri

di Redazione, #Castellarano twitter@gaiaitaliacomRE #Cronaca

 

 

Alla vista di una pattuglia dei Carabinieri hanno cercato di allontanarsi dalla zona residenziale della frazione Roteglia di Castellarano dove sono presenti varie abitazioni e attività commerciali che, nel corso degli ultimi mesi, sono stati presi di mira. Per questo motivo sono stati raggiunti e fermati dai carabinieri di Castellarano che dopo averli identificati in due cittadini bosniaci domiciliati a Guastalla hanno sottoposto i due uomini a minuziosi controlli sia alla luce dei precedenti di polizia per reati contro il patrimonio posseduti da entrambi sia per il fatto che avevano in uso una Renault Clio segnalata in banca dati come autovettura da controllare in quanto di proprietà di pregiudicato prestanome solito intestarsi le auto che poi vengono utilizzate da terzi per commettere reati. All’interno della macchina in loro uso gli stessi carabinieri di Castellarano hanno rinvenuto il kit del perfetto ladro costituito da attrezzi da scasso (una chiave bulgara, forbici per elettricista, cacciaviti ricurvi idonei per praticare scassi e un flessibile a batteria di forte potenza con relativi accessori e dischi diamantati utilizzato anche per aprire casseforti), due paia di guanti e due passamontagna.

E’ finita in caserma la “gita” nel comprensorio ceramico per i due bosniaci di 28 e 19 anni che al termine delle formalità di rito sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia con l’accusa di possesso di strumenti atti allo scasso. I Carabinieri gli hanno sequestrato sia tutto il materiale rinvenuto che la stessa autovettura risultata non assicurata e mancante della revisione. Quando sono stati fermati dai carabinieri di Castellarano sono stati notati andare a una velocità moderata e guardare attorno alle abitazioni che costeggiavano la strada per poi aumentare la velocità cercando di fuggire senza riuscirci in quanto i carabinieri sono riusciti a raggiungerli e a fermarli.

Nonostante siano ancora da chiarire i motivi della presenza nel comprensorio ceramico reggiano dei due cittadini bosniaci, i militari di Castellarano non hanno tanti dubbi sul fatto fatto che i due siano “noti” per via dei precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, e gli strumenti da scasso in loro possesso non lasciano spazio a troppe interpretazioni. Come è risaputo, l’intenzione non e’ reato per cui i due non sono accusati di nessun furto ma è chiaro che l’armamentario trovato in loro disponibilità data le circostanze di tempo e di luogo alimenta comunque forti sospetti. Ed è per questo motivo che ora gli stessi Carabinieri stanno cercando di approfondire i fatti al fine di capire i reali motivi della loro presenza nel comune di Castellarano.

 

 

(9 novembre 2019)

@gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 




 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*