Pubblicità
18.7 C
Reggio nell'Emilia
18.2 C
Roma
PubblicitàErickson 2023
PubblicitàLenovo
HomeNotizieSalsomaggiore. Federico Pizzarotti e Anna Maria Corazza sostengono Marco Trevisan Sindaco

Salsomaggiore. Federico Pizzarotti e Anna Maria Corazza sostengono Marco Trevisan Sindaco

GAIAITALIA.COM REGGIO EMILIA NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

“Come +Europa riteniamo la scelta del Partito Democratico di presentarsi in discontinuità con l’attuale amministrazione e di allearsi con il Movimento 5 Stelle un errore che rischia inutilmente di favorire la destra locale. Quella destra che a livello nazionale dimostra la sua incapacità amministrativa rischiando di perdere molti fondi del PNRR su cui i Comuni contano, tra cui 3 miliardi di euro per 264mila nuovi posti nei nidi e materne che salteranno già a giugno. La stessa destra che calpesta i diritti civili attaccando i Sindaci che scelgono di tutelare le famiglie LGBT residenti nel loro Comune. In questo momento storico, di fronte alla sfida Europea del Next Generation EU e alla minaccia alle libertà individuali portata dal governo, Salsomaggiore ha bisogno di amministratori esperti, capaci di portare le risorse del PNRR sul territorio attraverso la realizzazione di progetti utili per la crescita della comunità e che difendano i diritti civili dei propri cittadini da ogni ingerenza”.

Lo dichiarano l’ex Sindaco di Parma e ora Presidente Nazionale di +Europa, Federico Pizzarotti, e l’imprenditrice tabianese, già Europarlamentare e capolista al Senato alle ultime elezioni, Anna Maria Corazza, in una nota stampa.

“Per questo, alle elezioni del 14 e 15 di Maggio sosteniamo convintamente il candidato Sindaco Marco Trevisan che ha scelto di adottare la mozione di +Europa e Radicali Italiani “Caro Sindaco Trascrivi” che chiede ai Comuni di procedere con le trascrizioni degli atti di nascita dei figli di coppie omogenitoriali così come già avviene a Parma e in tante altre città”.

 

(12 maggio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Pubblicità