Salute. In Emilia Romagna chiusura delle scuole e dei nidi fino al 1° marzo per contrastare la diffusione del Coronavirus

di Redazione #EmiliaRomagna twitter@bolognanewsgaia #Salute

 

Non “sospensione”, ma “chiusura” dei servizi educativi e delle scuole di ogni ordine e grado.

E’ quanto si precisa rispetto ad un comma dell’Ordinanza del presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e del ministro della Salute, Roberto Speranza, per contrastare la diffusione del coronavirus. Una variazione inserita in corso di definizione dell’atto, concordata con il ministro stesso e gli altri presidenti di Regione interessati.

L’atto, a questo punto (art. 1, comma 2 lettera b) recita: Chiusura dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, corsi professionali, master, corsi per le professioni sanitarie e università per anziani ad esclusione dei medici in formazione specialistica e tirocinanti delle professioni sanitarie, salvo le attività formative svolte a distanza”

Inoltre, la Regione precisa che il Numero verde regionale al quale fare riferimento per ogni tipo di problema legato al coronavirus sarà attivato nelle prossime ore, e verrà reso noto non appena disponibile. Nel frattempo, è disponibile il numero telefonico nazionale 1500.

Dopo l’Ordinanza del Ministro Speranza e del Presidente Bonaccini – che, tra le altre cose, fa scattare in Emilia-Romagna fino al 1^ marzo la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, degli asili nido, la sospensione delle manifestazioni e eventi e dei musei, e altre misure ancora – l’assessore alla Salute, Sergio Venturi, spiega gli altri provvedimenti che si stanno mettendo in campo da parte della Regione Emilia-Romagna, del Servizio sanitario regionale e della Protezione civile dell’Emilia-Romagna.

“Innanzitutto– dice Venturivorrei dire che siamo di fronte ad un virus nuovo, ma non ci sono motivi per lanciare allarmi che possano ingenerare panico tra le persone. E vanno rispettate alla lettera le indicazioni contenute nell’Ordinanza del ministro Speranza e del presidente Bonaccini. Dal punto di vista operativo, si è deciso di potenziare i laboratori analisi, per cui al Centro di riferimento regionale per le emergenze microbiologiche (CRREM)del S.Orsola di Bologna si aggiunge orail laboratorio dell’ospedale di Parma. Per quanto riguarda, invece, le necessità legate al periodo di isolamento a casa da parte di pazienti ancora in attesa di diagnosi certa, si è deciso di mettere a disposizione una struttura a Reggio Emilia (la REMS, Residenza per l’Esecuzione delle Misure di Sicurezza, prossima all’apertura), con 30 camere singole con bagno, per le persone che abbiano difficoltà – di spazi o di logistica – a garantire un isolamento presso la propria abitazione”.

Da un punto di vista sanitario, ha spiegato Venturi, la decisione più importante riguarda l’effettuazione automatica del test per la verifica della presenza di coronavirus a tutte le persone con diagnosi di polmonite interstizio-alveolare.

 

(23 febbraio 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata