Pubblicità
18.7 C
Reggio nell'Emilia
18.2 C
Roma
PubblicitàErickson 2023
PubblicitàLenovo
HomeComune di Reggio EmiliaStazione Av Mediopadana. Per Pratissoli: "Positiva la 'prova' nuovi parcheggi. Ora serve...

Stazione Av Mediopadana. Per Pratissoli: “Positiva la ‘prova’ nuovi parcheggi. Ora serve puntare con scelte strategiche sulle connessioni ferroviarie con città e territori circostanti”

GAIAITALIA.COM REGGIO EMILIA NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione Reggio Emilia

Queste ultime settimane hanno visto il compimento di una serie di opere e collaborazioni, fondamentali per accrescere il ruolo strategico della Stazione Av Mediopadana nell’Area vasta – Emilia occidentale e sud della Lombardia in particolare – di cui Reggio Emilia e la Stazione sono baricentro.

Dapprima l’ampliamento degli spazi destinati alla sosta, che erano divenuti negli anni il principale disservizio per gli utenti a fronte di una crescita straordinaria della Stazione passata dai 1.500 passeggeri, nel giorno dell’inaugurazione, agli oltre 4.000 giornalieri attuali. Il nuovo parcheggio, e la definitiva riqualificazione di quello esistente, metteranno a disposizione 2.500 posti auto, sicuri, protetti e videosorvegliati, per un investimento complessivo di oltre 17 milioni di euro finanziati da Comune di Reggio Emilia, Rfi-Rete ferroviaria italiana e la società Terminal One, in grado di dare una risposta risolutiva e duratura al tema della sosta. Il periodo di ferie legato alla Pasqua, con la dote di passeggeri che ha utilizzato la Stazione Av e i suoi parcheggi, è stato un importante banco di prova per i nuovi servizi di sosta e l’esito finale del test è stato positivo.

Inoltre, l’Accordo sottoscritto la scorsa settimana dall’Amministrazione comunale con Rfi, Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile e Regione Emilia-Romagna, non solo garantisce oltre 11 milioni di euro per riqualificare gli spazi del sottoviadotto ma, soprattutto, sancisce definitivamente il ruolo centrale della Stazione Av per l’accessibilità all’Area vasta mediopadana. Gli interventi consentiranno di potenziare i servizi alla clientela con nuovi bar, ristoranti, sale di attesa e di lavoro, nonché servizi per il territorio e la città, in una sorta di fuori salone delle principali fiere ed esposizioni museali dell’Area vasta, arricchito da luoghi di incontro in grado di esporre le peculiarità del territorio: dalla meccanica alla moda, dall’agroalimentare all’educazione, dalla musica al turismo.

I numeri della Stazione Av e i progetti realizzati e in corso, complessivamente pari ad oltre 28 milioni di euro in poco più di tre anni, oltre a consolidarne la funzione di principale hub intermodale, ci pongono ora di fronte ad una nuova sfida: quella della accessibilità dell’area vasta al trasporto veloce su ferro.

E’ una sfida cruciale: per essere vinta richiede ulteriori scelte e azioni strategiche sul piano infrastrutturale e della mobilità, al fine di connettere meglio e in maniera più sostenibile la Stazione Av Mediopadana alle realtà urbane, sociali ed economiche che le gravitano attorno.

Da un lato occorre potenziare i collegamenti locali con la Stazione ferroviaria storica di Reggio Emilia, il centro della città e la zona Sud attraverso il principale degli investimenti pianificati dall’Amministrazione comunale sulla mobilità sostenibile, ovvero la Tranvia Rivalta-Mancasale. Dall’altro serve investire sulla rete ferroviaria regionale e nazionale per una maggiore interconnessione fra la Stazione AV Mediopadana, come terminale dei servizi ferroviari di area vasta, e le Stazioni esistenti di Parma e Modena, ma anche Mantova, Suzzara, Sassuolo e Fidenza.

La Stazione Av è uno degli elementi essenziali di questo cluster produttivo, sociale, economico, rappresentato dall’area mediopadana. E’ infatti già oggi, per caratteristiche, collocazione, crescita di passeggeri, l’hub più efficiente e funzionale a servizio di una intera regione e non di una singola città e, come tale, deve essere gestito e pensato nei progetti di valorizzazione in corso e futuri. La maggiore accessibilità dei territori, va dunque ricercata nel potenziamento dei collegamenti con i nodi esistenti, rendendo più estesi e sostenibili i primi ed efficienti i secondi.

Entro questa logica di investimento, la Stazione AV Mediopadana ha tutte le caratteristiche per poter contribuire a creare un vero e proprio vantaggio competitivo, sostenibile nel tempo, per il nostro territorio, coinvolgendo risorse e competenze pubbliche e private necessarie a garantirle l’ultimo decisivo passo in avanti in termini di posizionamento strategico nell’Area vasta.

 

(19 aprile 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità