Pubblicità
18.7 C
Reggio nell'Emilia
18.2 C
Roma
PubblicitàErickson 2023
PubblicitàLenovo
HomeComune di Reggio EmiliaComune di Reggio Emilia, 5.900 le domande di richiesta di buoni spesa...

Comune di Reggio Emilia, 5.900 le domande di richiesta di buoni spesa per un totale di 960 mila euro. Le parole del sindaco Vecchi

GAIAITALIA.COM REGGIO EMILIA NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione, #ReggioEmilia twitter@reggioemilnotiz #Notizie

 

È scaduto mercoledì scorso il termine ultimo per presentare al Comune di Reggio Emilia la richiesta di buoni spesa che le famiglie e i cittadini in difficoltà economica, a causa dell’emergenza Coronavirus, possono utilizzare per acquistare generi alimentari e beni di prima necessità. Complessivamente sono 5.900 le domande pervenute e correttamente compilate da residenti (95%) e domiciliati (5%), per soddisfare le quali verranno erogati circa 960 mila euro, di cui 908.218,94 euro provengono dai fondi stanziati dalla Regione Emilia Romagna per la città di Reggio Emilia mentre i restanti oltre 50 mila euro saranno coperti con fondi dell’Amministrazione comunale. Queste le parole del  sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi:

Abbiamo deciso di integrare con fondi del Comune di Reggio la cifra corrisposta dal Governo. Per aiutare le famiglie in difficoltà. Quando ci siamo resi conto che i 908mila euro stanziati da Roma non erano sufficienti ci siamo confrontati all’interno della Giunta e abbiamo ritenuto doveroso riuscire a mettere a disposizione le risorse necessarie per venire incontro alle esigenze di chi è stato particolarmente colpito dall’emergenza Coronavirus.

Da alcune settimane è attivo il Fondo di Mutuo Soccorso del Comune di Reggio Emilia proprio perché, a fianco di un potenziamento doveroso della sanità pubblica, tutti i Comuni italiani dovranno fare fronte nei prossimi mesi e anni a nuove esigenze che hanno a che vedere prioritariamente con quattro categorie di interventi: aiuto alle famiglie in difficoltà per la spesa alimentare, sostegno al sistema scolastico, drammatica perdita di introiti per tutto il mondo della cultura che impiega migliaia di lavoratori; nuove esigenze del welfare in particolare per quanto riguarda l’assistenza agli anziani.

La verifica delle domande ha rilevato che il 26% dei richiedenti è costituito da nuclei mono famigliari, mentre il 20% circa sono nuclei di tre o quattro componenti e un ulteriore 16% sono famiglie con 5 o più persone.

Per quanto riguarda il profilo dei richiedenti, per oltre il 35% si tratta di lavoratori che in queste settimane hanno subito perdita o azzeramento del reddito a causa dello stato di emergenza; il 38% è rappresentato da cassa integrati che non hanno ancora percepito la cassa integrazione e circa il 26% è costituito dal mondo delle partite Iva bloccate dal decreto ministeriale.

Complessivamente, quasi l’80% delle famiglie che hanno fatto richiesta dei buoni spesa non godono di altri contributi, come il Reddito di cittadinanza o altre misure di sostegno statale alla povertà. Si tratta, quindi, di ‘nuovi’ utenti, non conosciuti e non in carico ai servizi sociali comunali.

La gestione delle domande pervenute – oltre 10mila contatti, tra chiamate telefoniche, email e messaggi WhatsApp – ha comportato un enorme e straordinario lavoro da parte degli uffici comunali: l’Ufficio Relazioni con il Pubblico, gli sportelli dei Poli sociali e le Farmacie Comunali Riunite. Per far fronte a questa emergenza, è stato raddoppiata la presenza del personale dell’Urp, aumentato da 6 a 12 unità operative ogni giorno, che hanno potuto evadere efficientemente più della metà delle chiamate complessive.

I buoni, che potranno essere utilizzati in questa fase di emergenza, sono disponibili in sei valori diversi:

  • 100 euro (nucleo monopersonale);
  • 150 euro (nuclei di 2 persone);
  • 200 euro (nuclei di 3 persone);
  • 250 euro (nuclei di 4 persone);
  • 300 euro (nuclei di 5 persone);
  • 400 euro (nuclei di sei o più persone).

I buoni potranno essere spesi per l’acquisto di generi alimentari o beni di prima necessità presso gli esercizi commerciali di vicinato e della grande distribuzione, indicati in un apposito elenco consultabile all’indirizzo www.comune.re.it/buonospesacoronavirus.

 

 

(27 aprile 2020)

@gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 





 

 




 

Pubblicità