Pubblicità
11.4 C
Reggio nell'Emilia
11.3 C
Roma
PubblicitàErickson 2023
PubblicitàLenovo
HomeCopertina Reggio EmiliaLa Banca mondiale porta in Croazia l’esperienza dell’Emilia Romagna nell’utilizzo dei fondi...

La Banca mondiale porta in Croazia l’esperienza dell’Emilia Romagna nell’utilizzo dei fondi europei

GAIAITALIA.COM REGGIO EMILIA NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione #EmiliaRomagna twitter@gaiaitaliacomlo #Croazia

 

La Banca mondiale esporta in Croazia l’esperienza della Regione Emilia-Romagna nella programmazione dei Fondi strutturali europei, per generare nuovi processi di sviluppo, stimolare produttività e lavoro e contribuire alla crescita del Vecchio Continente.
L’assessore regionale al Coordinamento delle politiche europee allo sviluppo, Patrizio Bianchi, e la Country Bank Manager per la Croazia, Elisabetta Capannelli, hanno firmato oggi in viale Aldo Moro un Memorandum con cui viene definita la collaborazione tra Regione Emilia-Romagna e Banca Mondiale per un progetto che riguarda la Croazia orientale.

La sottoscrizione è avvenuta nell’ambito di uno ‘Study Tour’ che Banca mondiale sta svolgendo in questi giorni a Bologna per conoscere da vicino il modello positivo della Regione nell’utilizzo dei Fondi strutturali e di investimento europei, grazie al quale l’Emilia-Romagna si colloca tra i primi posti in Italia e in Europa in termini di performance, efficacia ed efficienza della spesa. La Banca mondiale, inoltre, è interessata ad approfondire l’organizzazione che l’Emilia-Romagna si è data per ottimizzare l’impatto delle risorse sul territorio e per coordinare le politiche e i finanziamenti regionali, nazionali e comunitari; altro stimolo di approfondimento, la politica industriale della Regione, con le azioni intraprese localmente per stimolare lo sviluppo del territorio e l’occupazione.

In virtù del Memorandum firmato oggi, l’Emilia-Romagna collaborerà dunque con i propri esperti al progetto avviato dalla Banca Mondiale con il Governo croato per promuovere la crescita e l’occupazione nella Regione orientale di Slavonia, Baranja e Srijem, che ospita più di un quarto dei disoccupati del Paese e ha il 20% della popolazione a rischio povertà, nonostante una buona posizione geografica, un’importante università e industrie promettenti. La stessa Banca mondiale coprirà tutte le spese necessarie alla collaborazione, che consentirà alla Croazia di acquisire esperienze e buone pratiche dai funzionari dell’Emilia-Romagna e da altri esperti, e di avere nella Regione un partner utile a definire la strategia di sviluppo territoriale nel periodo di programmazione 2021-2027.

I RAS sono servizi di consulenza personalizzati offerti dalla Banca mondiale ai suoi membri, utilizzati principalmente in Paesi a medio e alto reddito. Sono richiesti e pagati dal cliente utilizzando risorse proprie o di terzi, in questo caso e come per la maggior parte dei paesi dell’Ue, vengono impiegati Fondi strutturali e di investimento europei. Come altri servizi di consulenza e analisi, RAS supporta i clienti a progettare o implementare politiche migliori, rafforzare le istituzioni, sviluppare nuove capacità. Attraverso tali servizi, la Banca mondiale è in grado di fornire best practice globali, prodotti di conoscenza all’avanguardia e portare esperti di rilievo per insegnare ad affrontare queste sfide.
Da quando, nel 1993, è entrata nel Gruppo della Banca mondiale, la Croazia ha beneficiato della sua assistenza finanziaria e tecnica, della consulenza politica e dei servizi di analisi.

 

 





 

(26 febbraio 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

Pubblicità