Quando senti Rosy Bindi dire: “Il PD non è venuto come si sperava” e ti tocca pure darle ragione…

0Shares
0
0Shares

di Daniele Santi, #Lopinione

Ci sono state molte ragioni per contestare Rosy Bindi: la sua irriducibile moralità, il suo catechizzare ad ogni parola, l’omofobia ingiustificata ed ingiustificabile, il suo amore per il compromesso, la sua onnipresenza che ho sempre, personalmente, considerato inutile e di nessuna necessità politica, il suo integralismo. Tuttavia mi è toccato darle ragione quando l’ho sentita dire – finalmente| – che il PD “non è venuto su come si sperava”. Perché evidentemente c’era chi ci sperava.

Ho poi goduto di un fremito inaspettato quando l’ho sentita ribadire ciò che tu, mi rivolgo al mio corpo che scrive, hai sempre pensato, cioè che il PD “non ha identità, vitalità, carattere, presenza. Bisogna avere l’umiltà di ammetterlo. Di tracciare un punto e dire: ricominciamo daccapo. C’è bisogno di trovare nella società nuove idee e nuove persone, raccogliere la spinta che ora sembra mancare”.

E ti viene voglia di applaudirla quando aggiunge “Io non ho rinnovato la tessera, non lo sento più mio. Avrei dato un’altra possibilità a Giuseppe Conte. Se è vero che qualche carenza c’è stata, è indubitabile che contro di lui si è scatenata la guerra. Mi incuriosisce il fatto che Matteo Renzi oggi riesca a dire, abbastanza impunemente, di aver aperto la strada a Draghi. Lui l’ha chiusa a Conte. Il suo obiettivo era Conte. Stop. E per raggiungerlo ha fatto rischiare l’osso del collo all’Italia.”

E mentre non puoi fare a meno di darle ragione, ti rendi conto che ti hanno messo alla frutta quella della coppia Zingaretti-Bettini e che questo PD, non il PD in generale, ma questo PD che politicamente muore sul suo cadavere ogni giorno che passa dovrebbe proprio fare qualcosa, se ti trovi costretto ad essere d’accordo con Rosy Bindi che non voteresti nemmeno sotto tortura… Con tutto il rispetto per la donna e l’assolutamente necessario fermo dissenso sul poco che ha rappresentato la sua storia politica.

 

(15 febbraio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 




Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*