Pubblicità
21.1 C
Reggio nell'Emilia
22.5 C
Roma
PubblicitàErickson 2023
PubblicitàLenovo

WP Briefing: Episode 80: Unlocking Your WordPress Potential with Learn WordPress Tools

Welcome to another episode of the WordPress Briefing! In this episode, your host, Josepha Haden Chomphosy, delves into the incredible resources available to help you broaden your WordPress expertise. Whether you're just starting out or looking to deepen your skillset, these tools and tutorials offer something for everyone. Join us as we explore how Learn WordPress can be your guide on the journey to mastering WordPress, providing invaluable support and community connections along the way.
HomeBologna PoliticaMeloni e Piantedosi dimenticano di definire “neofascista” la strage di Bologna

Meloni e Piantedosi dimenticano di definire “neofascista” la strage di Bologna

Pubblicità
GAIAITALIA.COM REGGIO EMILIA NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Paolo M. Minciotti

Parlano molto, ma non è una novità, e a furia di aprir bocca poi sfuggono le cose veramente importanti da dire. Come quando si parla di “terrorismo”, di “violenza”, di ferocia, ma del “neofascismo” matrice di quella strage non si parla. Perché si ha cattiva memoria. O perché fa comodo ai propri disegni. O ideologie. Meloni la racconta su qualsiasi cosa, ma il neofascismo non lo nomina mai.

E’ proprio così, Piantedosi da Bologna, Meloni dall’alto del suo scranno, nel giorno della 43ª commemorazione della strage di Bologna, 85 morti e centinaia di feriti che ancora aspettano giustizia, risposte e dignità non ce la fanno a definirla strage neofascista – che è quello che è stata, signore e signori di questo governo autoreferenziale e classista – e parlano, rotondamente e con una bronza tracotante di “atto terroristico” con l’ANPi che esplode e dice: “Basta ambiguità” di fronte a rappresentanti governativi che non nominano mai la matrice neofascista dell’attentato, messo su carta da sentenze definitive e ricordata anche dal presidente Mattarella.

L’ANPI non risparmia nulla e attraverso le parole del suo presidente Pagliaruolo dice nel giorno “del commosso ricordo delle vittime della strage di Bologna. La magistratura ha accertato le responsabilità dei neofascisti e l’intreccio di poteri occulti dietro quella strage. Eppure sono ancora in corso, in particolare da parte di dirigenti di Fratelli d’Italia, tentativi di negazionismo e più in generale manovre per riscrivere la storia del decennio delle stragi nere”. Si scomoda persino La Russa a ricordare “la definitiva verità giudiziaria che ha attribuito alla matrice neofascista la responsabilità di questa strage”.

Meloni e il suo ministro Piantedosi di fascismo e neofascismo non ne vogliono parlare. E lasciano biascicare incongruenze a quel leghista del varesotto.

 

(2 agosto 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Reggio nell'Emilia
cielo coperto
20.8 ° C
21.2 °
19.8 °
79 %
0.5kmh
100 %
Gio
20 °
Ven
18 °
Sab
22 °
Dom
22 °
Lun
22 °
Pubblicità