Pubblicità
18.7 C
Reggio nell'Emilia
19.7 C
Roma
PubblicitàErickson 2023
PubblicitàLenovo
HomeNotizieAl Festival Aperto "Soul Chain", di Sharon Eyal

Al Festival Aperto “Soul Chain”, di Sharon Eyal

GAIAITALIA.COM REGGIO EMILIA NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione Cultura

Ispirata da forti emozioni d’amore, Soul Chain combina danza classica ed elettronica in un’emozionante performance di danza contemporanea. L’ensemble diventa uno sciame pieno di energia in una coreografia estremamente impegnativa che ha vinto il premio teatrale tedesco Der Faust nel 2018.

Anche se Sharon afferma che Soul Chain è una commedia sull’amore e sul desiderio, non ci si deve attendere troppo romanticismo. Piuttosto i movimenti sono animaleschi e puri, un gruppo fumante che si muove con la massima disciplina all’unisono ritmico. Più a lungo dura un unisono, più tempo abbiamo per cercare le differenze come pubblico. Come dice la coreografa stessa, in una stessa cosa si vede quanto siamo diversi. Così qui, nel contrasto tra il gruppo e l’individuo, esprime il suo amore per l’assoluta unicità di ogni singolo individuo.

 

Sharon Eyal è nata a Gerusalemme. Ha danzato con la compagnia Batsheva Dance tra il 1990 e il 2008 e ha iniziato a coreografare nell’ambito del progetto Dancers Create di Batsheva. Eyal è stata direttrice artistica associata di Batsheva tra il 2003-2004 e coreografa della compagnia tra il 2005-2012. Durante la sua permanenza nella compagnia ha realizzato 16 nuove creazioni. Nel 2005 Eyal ha iniziato a collaborare con Gai Behar alle sue creazioni e alla compagnia L-E-V e a diversi progetti. Dal 2009 Eyal ha realizzato più di 30 nuove creazioni per compagnie di danza di tutto il mondo, come Bedroom Folk, Salt Womb, Feelings e Sara per il Nederland Dance Theatre; Half-Life per il Royal Swedish Ballet; Untitled Black e Autodance per GoteborgsOperans Danskompan, Svezia; Killer Pig e Corps de Walk per Carte Blanche Dance of Norway; Too Beaucoup per Hubbard Street Dance Chicago; Plafona per Tanzcompagnie Oldenburg, Germania; Soul Chain per tanzmainz/Staatstheater Mainz, Germania e altre ancora. Nel 2013 Eyal ha lanciato L-E-V. Il repertorio di L-E-V è composto da 6 creazioni. Le creazioni di L-E-V sono coprodotte con alcuni dei principali centri di danza del mondo, come il Sadler’s Wells di Londra e il Julidans di Amsterdam. L’elenco dei co-produttori comprende molti altri grandi centri: Montpellier Danse Festival, GROS Culture Percentage – Festival di danza STEPS, Theater Freiburg, the Banff Centre in Canada, Carolina Performing Arts – North Carolina, USA, e TorinoDanza. Negli ultimi 8 anni dalla fondazione di L-E-V la compagnia ha proposto più di 200 spettacoli, alcuni nei luoghi più esclusivi del mondo, come il Joyce Theatre di New York, il Jacob’s Pillow di Londra, Becket, Massachusetts il Sadler’s Wells di Londra, il Festival Montpellier Danse di Francia, il Festival di Edimburgo e il Julidans di Amsterdam. TanzMainz è la compagnia di danza contemporanea del Staatstheater di Mainz, in Germania. Diretta da Honne Dohrmann dal 2014, è formata da un team di 21 danzatori e danzatrici. Un obiettivo della compagnia è quello di espandere costantemente il proprio repertorio con forme di danza innovative, cercando sempre più di diventare un ponte tra le istituzioni teatrali statali della Germania e la scena indipendente.

Festival Aperto Reggio Emilia “Saturno ha 80 lune”: dal 16 settembre al 19 novembre: concerti, performance, film, coreografie, installazioni, spettacoli, proposti da Fondazione I Teatri con Reggio Parma Festival per leggere il presente, con uno sguardo al futuro.

Info: www.iteatri.re.it.

 

 

(4 novembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 


Pubblicità