9 C
Reggio nell'Emilia
venerdì, Aprile 16, 2021
HomeCopertina Reggio EmiliaA Reggio Emilia vietare la vendita di gadget nazi-fascisti

A Reggio Emilia vietare la vendita di gadget nazi-fascisti

Pubblicità

di F.G., #NoFascismi

Una proposta per emendare il regolamento del Comune di Reggio Emilia che disciplina gli esercizi commerciali per impedire la vendita di gadget nazi-fascisti in tutti i luoghi, fissi o temporanei, aperti alla vendita al pubblico con l’obbiettivo di vietare la concessione di occupazione di aree pubbliche, sia permanenti che temporanee, finalizzate in tutto o in parte alla vendita o alla promozione di materiale di propaganda di ideologie nazifasciste, xenofobe, razziste, sessiste o in contrasto con la Costituzione e la normativa nazionale di attuazione della stessa.

La proposta viene valutata come fondamentale soprattutto dopo l’approvazione della mozione sull’ “Iscrizione della città di Reggio Emilia all’Anagrafe Nazionale Antifascista istituita dal Comune di Stazzema” dove il Comune aderisce alla Carta Antifascista di Stazzema e dopo che  anche il Comune il Scandiano ha aggiunto al proprio regolamento punti come quelli proposti nell’emendamento che dovrebbe essere modificato come segue:

3. E’ vietata la concessione di occupazione di aree pubbliche, sia permanenti che temporanee, finalizzate in tutto o in parte alla vendita o alla promozione di materiale di propaganda di ideologie nazifasciste, xenofobe, razziste, sessiste o in contrasto con la Costituzione e la normativa nazionale di attuazione della stessa.

4. E’ vietata la vendita e la diffusione di gadget fascisti e nazisti di produzione successiva a quella fascista e nazista con chiari intenti apologetici; pertanto tutti gli oggetti di quell’epoca che possono invece ritenersi documenti e oggetti di valore storico, devono riportare espressamente l’indicazione “Documento storico”, nel rispetto della vigente normativa in materia di contrasto all’apologia di fascismo” e dello spirito antifascista della Repubblica italiana, su tutto il territorio comunale sia all’interno delle installazioni commerciali a posto fisso che attraverso le altre forme di distribuzione (es. banchi commerciali su aree pubbliche in occasione di Fiere e/o altre manifestazioni).

Altre dettagli sull’iniziativa sul blog Diario Di Reggio dal quale abbiamo in parte tratto l’articolo.

 

(30 marzo 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 




Pubblicità
Pubblicità

SEGUITECI

4,361FansMi piace
2,388FollowerSegui
114IscrittiIscriviti

DA LEGGERE

Pubblicità

ALTRE NOTIZIE

POTREBBERO INTERESSARTI

Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: