Parma: proroga dell’esenzione Cosap alla fine di marzo 2021

0
30
0Shares





di Redazione #Parma twitter@parmanotizie #Economia

 

Approvata la proroga dell’esenzione Cosap dal 1° gennaio fino alla fine di marzo 2021. Si tratta di una proroga dell’esonero già previsto dal 1° maggio al 31 ottobre 2020, dall’art.181 comma 1 del Decreto Rilancio, e successivamente prorogato fino al 31 dicembre 2020 con il Decreto agosto.

L’art. 9-ter del Decreto Ristori infatti stabilisce per i titolari di concessioni o di autorizzazioni ad occupare il suolo pubblico l’esonero da TOSAP e COSAP dal 1° gennaio al 31 marzo 2021 e sarà applicato alle tipologie di esercizi elencate dall’art. 5, comma 1, legge n. 287/1991:i:

  • gli esercizi di ristorazione, per la somministrazione di pasti e di bevande, comprese quelle aventi un contenuto alcoolico superiore al 21 per cento del volume, e di latte (ristoranti, trattorie, tavole calde, pizzerie, birrerie ed esercizi similari);
  • gli esercizi per la somministrazione di bevande, comprese quelle alcooliche di qualsiasi gradazione, nonché di latte, di dolciumi, compresi i generi di pasticceria e gelateria, e di prodotti di gastronomia (bar, caffè, gelaterie, pasticcerie ed esercizi similari);
  • gli esercizi di cui alle lettere a) e b), in cui la somministrazione di alimenti e di bevande viene effettuata congiuntamente ad attività di trattenimento e svago, in sale da ballo, sale da gioco, locali notturni, stabilimenti balneari ed esercizi similari;
  • gli esercizi di cui alla lettera b), nei quali è esclusa la somministrazione di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione,

 

Inoltre, oltre alle categorie citate, anche i titolari di concessioni od autorizzazioni su suolo pubblico per l’esercizio del commercio su aree pubbliche sono esonerati, sempre dal 1° gennaio al 31 marzo 2021, dal pagamento del canone di concessione per l’occupazione delle areee degli spazi appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile, destinati a mercati realizzati anche in strutture attrezzate (di cui all’articolo1, comma 837 e seguenti, della legge di bilancio per il 2020 n. 160 del 2019).

Si specifica inoltre che le nuove richieste di concessione di utilizzo di suolo pubblico e le richieste di ampliamento di spazio di quelle già occupate, a decorrere dal 1° gennaio e fino al 31 marzo 2021 saranno presentabili solo con modalità telematica allegando, in deroga a quanto previsto dal DPR 160/2010, la sola planimetria e non sarà dovuta l’imposta di bollo prevista ai sensi del DPR 642/72. Infine, al comma 5 del Decreto Ristori , proroga la possibilità fino al 31 marzo 2021 (termine già precedentemente prorogato al 31 dicembre dal decreto di agosto), ai fini di assicurare il rispetto delle norme di distanziamento anti-covid, per questi esercenti, di mettere temporaneamente su vie, strade e piazze, SENZA autorizzazione preventiva:

 

  • strutture amovibi
  • elementi di arredo urbano,
  • attrezzature,
  • pedane,
  • tavolini,
  • sedute,
  • ombrelloni

purché funzionali alla attività (ex art 5 della Legge 287/91).

“Si tratta di una importante misura di sostegno per il mondo del commercio, della somministrazione e per gli ambulanti. – commenta l’Assessore al Commercio Cristiano Casa – Da tempo, insieme alle associazioni di categoria, avevamo sollecitato questa misura presso la Regione nelle interlocuzioni con il governo. Con l’inizio dell’anno valuteremo ulteriori proroghe mantenendo sempre un confronto con la Regione e il governo.”

 

(22 dicembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 



0Shares