Pubblicità
6 C
Reggio nell'Emilia
15.9 C
Roma
PubblicitàErickson 2023
PubblicitàLenovo
HomeNotizieCarabinieri nelle scuole: “insegnanti” di legalità

Carabinieri nelle scuole: “insegnanti” di legalità

GAIAITALIA.COM REGGIO EMILIA NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione Cronaca

Promuovere la “cultura alla legalità” nei confronti degli studenti, attraverso incontri didattici sia negli istituti scolastici che nelle caserme grazie anche alla collaborazione con i dirigenti scolastici e il corpo docente. Questa in sintesi l’iniziativa promossa dall’Arma dei Carabinieri d’intesa con il Ministero dell’Istruzione che mira a far accrescere sin dall’età scolare la cultura alla legalità con il fine di diffondere i valori del rispetto delle regole.

In tale ambito anche i Carabinieri della Stazione di San Polo d’Enza hanno iniziato le prime lezioni, rivolte a complessivi 300 studenti delle scuole medie inferiori dei comuni di San Polo d’Enza e Canossa che sono stati sensibilizzati non solo sui temi della droga, dell’alcol, cyberbullismo e del bullismo ma anche sul corretto uso di internet, l’educazione alla legalità ambientale e la sicurezza stradale.

Il fenomeno maggiormente diffuso tra i più giovani – hanno sottolineato i militari – è la pubblicazione di foto osé tramite social e cellulari, una “mania” tra i minorenni che rischiano di venire denunciati per il reato di diffusione di materiale pedopornografico.

Tanti anche i consigli per un corretto utilizzo di internet: non acquistare abiti o telefoni di marca a prezzi troppo bassi, se sono rubati si incorre nel reato di ricettazione; provvedere sempre al backup di fotografie e dati; scaricare le App che permettono di ritrovare il cellulare in caso di furto o smarrimento; non frequentare siti che non si conoscono e che offrono tutto gratis perché sono pieni di virus come il CryptoLocker che infetta i sistemi Windows chiedendo un pagamento per la decriptazione; salvaguardare i diritti d’autore e non scaricare film e musica illegalmente; leggere sempre bene cosa offrono le varie finestre che si aprono perché a volte carpiscono abbonamenti; cancellare sms strani e non richiamare numeri sconosciuti perché rubano denaro.

Gli incontri stanno offrendo anche l’occasione per illustrare l’organizzazione dell’Arma dei Carabinieri e fornire una generale infarinatura sugli aspetti giuridici di alcuni reati e parlare della sicurezza della circolazione stradale.

In una seconda fase saranno gli studenti delle classi quinte delle scuole elementari a far “visita” ai carabinieri in caserma a San Polo d’Enza dove saranno tenute le lezioni sulla legalità attraverso modalità espositive adatte ai i più piccoli basate, in particolare, su strisce fumettistiche e fiabe che possano catalizzare l’attenzione dei più’ bambini su queste importanti tematiche.

 

(25 febbraio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 


Pubblicità